Most read

Techno, dub e remix: tornano i Masstang in formato dj

In attesa del secondo album, il quartetto marchigiano interpreta i propri brani più famosi assieme a due big dell’elettronica in un ep omaggio per i fan

Visioni (2016), il loro album d’esordio, non era andato male. Due video (Black Days e Invisibile) e una buona presenza dal vivo, grazie a cui i Masstang, un quartetto di Urbania, ha collezionato vari riconoscimenti, tra i quali ricordiamo il premio Best Arezzo Wave Band Marche (2017) e il primo posto al Play Marche, più apparizioni importanti alla Festa della Musica di Milano e allo stadio di Pesaro come opening act ai Bastille. Mica poco.

Ma, in attesa del secondo album, la band – composta dalla vocalist Marica Bacciardi, dal chitarrista e cantante Dante Saudelli, dal bassista Ugo Pellicano e dal programmatore Samuele Bozzi – tenta la carta del remixaggio dei propri brani più noti, grazie alla collaborazione con alcune firme dell’elettronica più undergorund.

Si tratta di Atomik Tags, che ha messo mano alle frequenze, già di per sé frenetiche, di Odissea, per ricavarne una versione dai marcati accenti drum ’n bass, e di Lozz, giovane promessa della consolle, che ha trasformato l’aggressiva Black Days in un dub e la simpatica Invisibile (sì, quella del video col Babbo Natale fuori di testa e alcolista) in una traccia techno tutta da ballare che ammicca ai dj in maniera sfacciata.

I tre brani sono raccolti in Remix-1, l’ep che i Masstang hanno deciso di regalare ai fans in attesa del sequel di Visioni. E non è un modo di dire: il mini album (o maxi single, fate voi), edito dalla indipendente Bonnot Music, è in distribuzione gratuita su Soundcloud, pronto per il download.

Buon ascolto. 

Per saperne di più:

Il sito web dei Masstang

Da ascoltare:

L’ep Remix

 

 

12 Visite totali, 1 visite odierne

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

There is 1 comment for this article
  1. Pingback: La notte spacca, ma “Il giorno” è meglio. Parola dei Masstang – Indygesto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP