Most read

Leaderbraun, rock vero dal Nord profondo

Il quintetto lecchese taglia il traguardo del terzo disco col recentissimo Ade, pieno di stimoli vintage e sonorità graffianti

Fraseggi bluesy tosti e rotondi, riff aggressivi quel che basta, ritmica squadrata con tocchi funky qui e lì: se amate gli anni ’70 i lecchesi Leaderbraun fanno per voi.

Nata nel 2008 su iniziativa del chitarrista Simone Goretti e del batterista Antonio Romano, la band è arrivata al terzo disco con il recente Ade (ottobre 2017), prodotto da Matteo De Napoli e pubblicato dalla Fil.

Ma i nove brani di Ade sono anche un esordio per la nuova formazione del gruppo, a cui si sono aggiunti il bassista Gionata Montanelli, il violoncellista Michele Nasatti e la giovane cantante Isabella Conca (venti anni appena).

I Leaderbraun hanno un gran tiro ritmico e perciò non è solo un modo di dire che apre le danze il singolo Barracuda, da cui è tratto anche un simpatico videoclip con tanto di trovata cannibalica (vedere per credere). Il brano dà la misura del resto dell’album: ritmo cadenzato e sciolto, sonorità forti ma non eccessivamente pesanti (anche in versione elettrica il violoncello ingentilisce) e il cantato tosto della Conca, che si inserisce con garbo nel contesto senza esagerare con gli acuti e i cinguettii da cui a volte si fanno prendere la mano le donne quando si cimentano nel rock blues.

Vertigine è un bel blues notturno e sensuale che fa da cornice a un testo passionale e un po’ torbido. Belle le performance di Goretti e Nasatti che si lanciano in fraseggi efficaci tra una strofa e l’altra.

Son qui per te è un rhytm ’n blues con qualche strizzatina d’occhio alle sonorità metal, grazie al riff della chitarra che ricorda un po’ alcune cose di Tony Iommi.

Il violoncello è invece il protagonista di 21gr, una ballad sognante dai contenuti romantici e drammatici.

Più complessa e dinamica, Marea mescola toni intimistici, esaltati dal violoncello, e crescendo rockeggianti.

Virtuale è un rock blues venato di hard che si sviluppa sul martellamento tribale della ritmica e sul riff essenziale e un po’ vintage della chitarra.

La funkeggiante Spirali è un tuffo efficacissimo in quegli anni ’70 che sono l’oggetto del desiderio della parte pensante delle nuove leve della musica.

Ovviamente non si può parlare di anni ’70 senza un riferimento alla psichedelia. Alla bisogna provvedono le atmosfere dilatate di Occhio nudo.

Chiude l’album (o le danze, fate voi) la dinamica Instabile, in cui i Leaderbraun danno fondo al meglio del loro repertorio: basso slappato, ritmica più funky che mai e riffone alla Black Sabbath.

Che altro? La band lecchese dà una bella prova di maturità artistica, brillante e compatta e, soprattutto, basata sul lavoro di squadra: nessun eccesso solista e nessuna sbavatura. Ma, a voler proprio fare una critica, neppure troppi picchi. Tuttavia questo non è un gran problema, perché Ade si fa ascoltare benissimo.

Di sicuro il meglio di sé le band come i Leaderbraun lo danno dal vivo. Perciò, ascoltate pure questo album a ripetizione. Meglio ancora se nell’attesa che i Nostri si facciano vivi dalle vostre parti. Meritano davvero.

Per saperne di più

Il sito dei Leaderbraun

Da ascoltare (e da vedere)

Barracuda

68 Visite totali, 1 visite odierne

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

There is 1 comment for this article
  1. Pingback: Barracuda, i Leaderbraun vi prendono a morsi – Indygesto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP