Most read

Meditazione, quelle note che bucano la mente e scavano l’anima

5 (100%) 1 vote

La psicanalisi in musica del terapista Adriano Formoso

Rapidi flash a colori vivi: una sala parto, una puerpera sdraiata mentre subisce un particolare bombardamento di suoni sul pancione, un gruppo di persone disposte a semicerchio, un bambino davanti a un confessionale.

Eppoi c’è il protagonista, Adriano Formoso, con e senza camice, che suona la chitarra acustica, arpeggiandola in fingerpicking o come still guitar secondo la tradizione dei bluesmen e canta con una voce profonda, baritonale. Ma il brano è tutt’altro che sanguigno.

Meditazione motivazionale cantata è un esperimento di canzone-terapia, tratto da Nascere a tempo di rock (Nar International), il disco-libro in cui Formoso realizza le sue tesi psicoanalitico-musicali attraverso la neuropsicofonia, un metodo terapeutico basato su una concezione e su un uso del suono particolari.

«Non confondere ti amo con un salvami», canta l’artista-terapista in un verso che rivela il nocciolo del suo metodo.

Psicanalista, psicoterapeuta e musicista, Adriano Formoso, calabrese originario di Corigliano Calabro e milanese di adozione, sperimenta con successo da anni una tecnica terapeutica basata sull’uso di particolari frequenze sonore, applicabile sia nell’aiuto al parto sia nelle terapie di gruppo.

E forse non è un caso che lo strumento principe di questo sistema sia la chitarra, che funziona anche secondo un principio quasi impercettibile ma profondo, la simpatia, in base al quale le vibrazioni emesse da una corda si trasferiscono a tutte le altre, anche se sono ferme.

Applicato agli esseri umani, si chiama empatia.

Per saperne di più:

Il sito web di Adriano Formoso

Da ascoltare (e da vedere):

3,530 Visite totali, 1 visite odierne

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP