Most read

Interviste

Stefano Dambruoso inquisì e fece condannare nel 2001 il tunisino Essid Sami Ben Khemais, che meditava già allora un attentato sanguinoso nella città simbolo dell’Europa unita. Secondo l’ex deputato «il comportamento di Chekatt era difficilmente prevedibile, perché i terroristi che praticano l’autoaddestramento si attivano all’improvviso». Tuttavia, «solo dalle indagini potremo apprendere se si poteva davvero […]

Keep Reading

Ernesto Galli della Loggia riabilita il concetto politico trasformato in un dispregiativo dalle polemiche politiche: «Tutte le grandi forze politiche sono state populiste, soprattutto in Italia, perché si rivolgevano direttamente alle masse rurali, che incarnano il concetto classico di popolo». Oggi quel popolo non esiste più, al suo posto c’è un «amalgama indistinto» di persone […]

Keep Reading

Figlia di un pittore e restauratore e protagonista di manifestazioni internazionali, l’artista pugliese e bolognese d’adozione, che sperimenta da anni un particolare linguaggio del corpo, si racconta in un’intervista: «Siamo in molti (creativi) a pensare che l’arte possa stimolare nelle persone una visione critica sul mondo e questo può senz’altro aiutare ad essere mentalmente liberi […]

Keep Reading

Il giovane attore e cabarettista cosentino è caustico sulla situazione del teatro e della cultura in Calabria: «Spadroneggiano poche persone con l’avallo della politica». Vivere d’arte? «Quasi impossibile, perché l’offerta culturale è di basso livello e lavorare per gli enti locali può diventare masochismo». Ma c’è di peggio: «Le compagnie amatoriali abbassano il livello e […]

Keep Reading

Parla Maria Teresa Milicia, antropologa calabrese dell’Università di Padova e autrice dell’inchiesta-verità su Giuseppe Villella, il pastore calabrese che ispirò Cesare Lombroso, utilizzato per anni dai neoborbonici come simbolo della repressione del Mezzogiorno ad opera dei piemontesi: «Quando iniziai la mia ricerca pensavo di essere di fronte a un vero movimento di protesta. In realtà […]

Keep Reading

Lo storico Giuseppe Ferraro fa il punto sul brigantaggio: non fu solo una rivolta contadina né una ribellione contro gli “invasori piemontesi”. Fu un fenomeno complesso in cui c’era di tutto ma con una spiccata prevalenza dell’aspetto criminale. I briganti, spiega ancora il giovane studioso calabrese, autore di una ricerca importante e pluripremiata, non furono […]

Keep Reading
Go to TOP