Most read

Rotary, un giardino urbano in memoria di Paul Harris

Vota

La struttura, composta da piante “mangia inquinamento”, sarà inaugurata il 29 giugno a Cosenza

Paul Harris fu un avvocato americano (ma anche giornalista, operaio e fattorino) diventato famoso per aver fondato assieme a due amici il Rotary Club.

In sua memoria, il Rotaract (l’organizzazione giovanile del Rotary) ha elaborato e promosso un progetto, denominato I giardini di Paul Harris, che consiste nella creazione di spazi verdi urbani dotati non solo di piante decorative, ma anche di vegetali in grado di filtrare le sostanze inquinanti del terreno, di metabolizzarle e restituirle sotto forma di residui organici innocui.

Il 29 giugno, a Cosenza, nella centralissima via Montesanto, sarà inaugurato il primo di questi giardini. Il taglio del nastro avverrà alle 19.

53 Visite totali, 2 visite odierne

Saverio Paletta, classe 1971, ariete, vive e lavora a Cosenza. Laureato in giurisprudenza, è giornalista professionista. Ha esordito negli anni ’90 sulle riviste culturali Futuro Presente, Diorama Letterario e Letteratura-Tradizione. Già editorialista e corrispondente per il Quotidiano della Calabria, per Linea Quotidiano e L’Officina, ha scritto negli anni oltre un migliaio di articoli, in cui si è occupato di tutto, tranne che di sport. Autore di inchieste, è stato redattore de La Provincia Cosentina, Il Domani della Calabria, Mezzoeuro, Calabria Ora e Il Garantista. Ha scritto, nel 2010, il libro Sotto Racket-Tutti gli incubi del testimone, assieme al testimone di giustizia Alfio Cariati. Ha partecipato come ospite a numerose trasmissioni televisive. Ama il rock, il cinema exploitation e i libri, per cui coltiva una passione maniacale. Pigro e caffeinomane, non disdegna il vino d’annata e le birre weisse. Politicamente scorretto, si definisce un liberale, laico e con tendenze riformiste. Tuttora ha serie difficoltà a conciliare Benedetto Croce e Carl Schmitt, tra i suoi autori preferiti, con i film di Joe d’Amato e l’heavy metal dei Judas Priest. [ View all posts ]

Comments

Be the first to comment on this article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Go to TOP